Libro
Sab, 20 Aprile Apr 2024 1500

Mauro Comba firma le copie del libro: "La partita del Tavolasso. Poemetto berniesco" - L'Artistica Editrice

Tavolasso Copertina

"La partita del Tavolasso" da Barge a Bibiana è un poemetto eroicomico, stampato a Torino nel 1791, che narra di una gara di tiro tra archibugieri, per l'appunto, di Barge e di Bibiana. I bargesi hanno accettato l'invito, da parte di notabili di Bibiana, dove questo confronto tradizionalmente si svolge da tempo, a prendervi parte. Nessun Davide, nessun Golia. Nemmeno un Achille o un Ettore ma l'abate Bolla, il migliore di Bibiana, e Pieretto, bravo tiratore di Barge. A ravvivare il contesto, un pranzo non proprio pantagruelico, danze, scene in maschera, feste di piazza, con ciarlatani e burattini, bande militari e parate di cavalieri e gentildonne in carrozza, una cantante lirica degna di essere paragonata (forse) ai più celebri castrati e soprani dell'epoca. E l'ira funesta? C'è anche quella, anche se non proprio funesta. Comunque c'è. Di uno di Barge, contro un "fuoruscito" di Bagnolo P.te, gran bevitore più simile al plautino, fanfaronesco, fanfaronico (si passi il termine di consapevole nuovo conio) e vanaglorioso Pirgopolinice ("Il distruttore delle torri delle città") che al coraggioso Aiace omerico. E tutto questo in soli due canti. In un inserto, opere di Andrea Nisbet, Piero Riva e Luigi Stoisa