Libro
Sab, 16 Dicembre Dic 2023 1900 - 2100

InTeatrolibri - Gigliola Cinquetti presenta il libro: "A volte si sogna" - Rizzoli

All'interno della rassegna InTeatroLibri in collaborazione con la Fondazione Teatro Garibaldi

Modera l'incontro il giornalista Salvatore Cannata

Auditorium di Piazza Matteotti Modica

A Volte Si Sogna Gigliola Cinquetti

«E lei, Gigliola Cinquetti?» «Sì.» Ricevette un piccolo sorriso incoraggiante. «Sono Luigi» si presentò, ma lei non lo riconobbe. Notò gli occhi scuri e l'impermeabile bianco. «Io la odio. Lei rappresenta tutto quello che io detesto. E falsa, ipocrita, perbenista. Volevo dirglielo in faccia. Ci tenevo molto. Per me la sincerità è tutto. Arrivederci.» Appena dopo il Festival di Sanremo 1964, l'anticonformista Luigi Tenco si avventa con veemenza sulla giovanissima vincitrice che ha appena sbaragliato tutti con la sua voce limpida e potente, e con la sua innocente freschezza, ancora in boccio, cantando Non ho l'età. Ma è davvero, quella ragazza di Verona, "falsa, ipocrita, perbenista"? Per la prima volta, in questo sorprendente romanzo autobiografico, Gigliola Cinquetti svela al pubblico il proprio variegato mondo interiore, la personalità appassionata e combattiva, l'attitudine sempre curiosa. E un racconto letterario, coinvolgente, larger than life, in cui una ragazzina, camminatrice e lettrice accanita, innamorata dell'Iliade, dopo anni di lezioni pomeridiane di musica si ritrova proiettata nell'Empireo del successo, inconsapevole della società che la circonda e soprattutto delle etichette che le cuciono addosso. Da chi la giudica retriva e antipatica a chi la vede come una madonna, arrivando a metterle un neonato in braccio. Come trascinata da un fiume in piena, lei, con le sue canzoni, comincia a girare il globo dalla Francia al Giappone, dalle cascate del Niagara al Cile. Ed è proprio questo peregrinare ad aprirle la mente, a formarle opinioni politiche. Perché tutto può avere un significato politico, spesso per lei anche scomodo. Nel frattempo la vita si prende la propria parte: lei incontra Luciano, prima scandaloso convivente more uxorio, poi marito amatissimo e padre dei suoi figli. C'è chi nasce e c'è chi muore. Ma la malìa del suo canto è la costante di tutto, anche quel giorno in tempi recenti, quando in barca fra le isole croate le sue alte frequenze attirarono i delfini...