Libro
Mer, 2 Agosto Ago 2023 1830

Paolo Borrometi presenta il libro: “Traditori. Come fango e depistaggio hanno segnato la storia italiana” - Solferino

Intervento Musicale a cura del duo Bellamorèa

Sarà presente l'autore. Dialoga con Giovanni Burtone

Chiostro - Ex Monastero dei Benedettini (Palazzo Municipale) - Militello in Val di Catania

71Nva Utr6s L

Trama:
Perché tante stragi e delitti in Italia rimangono impuniti? La ricerca della verità è un percorso a ostacoli e in troppi casi, prima ancora di cercare i colpevoli, si è messa in dubbio la credibilità di chi accusava. E accaduto a Giovanni Falcone quando si disse che la bomba dell'Addaura l'aveva piazzata lui stesso e a Paolo Borsellino la cui agenda rossa, misteriosamente scomparsa, sarebbe stata un «parasole». Don Diana? «Era un camorrista.» Peppino Impastato? «Un terrorista.» La lista dei nomi infangati per distrarre l'attenzione dai delitti è lunga. E la strategia ha un preciso nome in gergo, «mascariamento». Per comprenderne i drammatici effetti, Paolo Borrometi ci accompagna in un viaggio nella storia d'Italia in cui denuncia i traditori, i criminali che mirano a creare confusione nel Paese per raggiungere i propri interessi illegittimi. A discapito della verità. Un reportage giornalistico tra anomalie, depistaggi e buchi neri che parte dallo sbarco degli americani in Sicilia nel 1943 per arrivare ai giorni nostri, passando per le bombe degli anni Settanta e la strategia della tensione: da Portella della Ginestra a via Fani, dall'Italicus al Rapido 904, da Bologna a Capaci e
Via d'Amelio, fino all'arresto del latitante Matteo Messina Denaro. Una storia, alternativa e potente, del lato oscuro del Paese.

Autore:

PAOLO BORROMETI, nato a Ragusa nel 1983, laureato in Giurisprudenza, ha iniziato a lavorare al «Giornale di Sicilia» e ha poi fondato il sito di informazione e inchiesta «La Spia». Oggi è condirettore dell’agenzia di stampa AGI e collabora con diverse testate giornalistiche. Per il suo impegno di denuncia, ha ricevuto l’onorificenza Motu proprio dal presidente della Repubblica. È presidente di «Articolo 21», collabora con Libera, con la Fondazione Caponnetto e con la Cgil. Per Solferino ha pubblicato Un morto ogni tanto (2018) e Il sogno di Antonio (2019).