Incontri
Sab, 29 Luglio Lug 2023 2130

Com'è profondo il mare: Giancarlo De Cataldo dialoga con Carlo Lucarelli

Com'è profondo il mare - Festival del Noir mediterraneo - seconda edizione

Favignana (TP) - Ex stabilimento Florio

Mondadori Flaccovio Corner Favignana Noir 05

La seconda edizione del Festival letterario “Come è profondo il mare” si terrà presso l’ex Stabilimento Florio dal 25 al 29 luglio 2023. La manifestazione, la cui direzione artistica è di Giancarlo De Cataldo, si svolgerà con appuntamenti serali alle ore 21.30 e si propone come un’esperienza imperdibile per gli appassionati di letteratura e cinema noir.

Quest’anno il festival esplorerà il legame tra la parola scritta e lo schermo, facendoci scoprire come gli scrittori possano trasformarsi in sceneggiatori e personaggi letterari riescano a prendere vita e muoversi disinvolti sul grande schermo.

“Lolita Lobosco, Saverio Lamanna, l’avvocato Vincenzo Malinconico, l’ispettore Coliandro. Questi personaggi, amati dal pubblico televisivo e protagonisti di fiction che risiedono nel cuore di tutti, sono nati dalla penna di grandi autrici e autori del giallo italiano come Gabriella Genisi, Diego De Silva, Carlo Lucarelli e Gaetano Savatteri” – racconta Giancarlo De Cataldo, direttore artistico del Festival, oltre che rinomato scrittore, sceneggiatore e drammaturgo – “Inoltre, Donato Carrisi ci affascina con i suoi film ricchi di inquietudine e mistero, che egli stesso scrive e dirige. Saranno con noi nell’incantevole e unico scenario di Favignana per aprirci le porte del laboratorio segreto in cui prendono vita le loro Storie nere”.

Grazie alla preziosa visione creativa di Giancarlo De Cataldo, il pubblico avrà la possibilità di esplorare la preziosa alchimia che fa incontrare la parola scritta e lo schermo, offrendo un’esperienza unica agli appassionati di letteratura e cinema noir.

29 luglio: Carlo Lucarelli, scrittore, sceneggiatore e giornalista.

Affermato scrittore di letteratura gialla e noir, Carlo Lucarelli vive tra Mordano (Bo) e San Marino.
Il suo percorso narrativo va dai racconti brevi sparsi nelle varie antologie del Gruppo 13 (di cui fa parte) alla trilogia giallo-storica con il commissario De Luca pubblicata dalla Sellerio (Carta bianca, L'estate torbida e Via delle Oche). Dopo Almost blue (1997), Il giorno del lupo (1998 e 2008), L'isola dell'Angelo caduto (1999, Finalista al Premio Bancarella 2000), Mistero in blu (1999 e 2008), Guernica (2000) e Lupo mannaro (2001), tra i suoi libri pubblicati da Einaudi Stile libero ci sono il romanzo Un giorno dopo l'altro (2000 e 2008) e i racconti di Il lato sinistro del cuore (2003); poi Misteri d'Italia (2002), Nuovi misteri d'Italia (2004), La mattanza (2004) e Piazza Fontana (2007), gli ultimi due con allegati i Dvd del ciclo televisivo "Blu notte".

L'ultimo volume in libreria firmato da Carlo Lucarelli è Bell'abissina. Un'indagine del commissario Marino.

Nella "Presidenziale", la sezione della polizia che si occupa della sicurezza di Mussolini, c'è un gruppo molto particolare chiamato "Squadra Fognature", comandato a perlustrare il sottosuolo di strade e piazze su cui passerà il Duce, a caccia di eventuali bombe. Ed è durante una di queste perlustrazioni che agli inizi degli anni '30 gli agenti della Fognature trovano le ossa dello scheletro di una donna, sgozzata e scarnificata. Dieci anni più tardi, a Cattolica, il commissario Marino, segretamente e attivamente antifascista col nome di battaglia "Locàrd", riceve le confidenze di uno degli ex agenti della Fognature: forse la morte della ragazza, e di tante altre, ha a che fare con la famiglia di Francone Brandimarzio, un ricco imprenditore che ha fatto fortuna nelle Colonie, e che adesso si è ritirato a Cattolica, insieme al figlio Attilio e a una giovane e affascinante ragazza eritrea. Una famiglia all'apparenza irreprensibile, e soprattutto intoccabile, dal momento che foraggia gerarchi corrotti e ladri di regime, occultando e distribuendo fiumi di denaro sporco. Il commissario Marino si rende conto che, oltre a smascherare un assassino seriale, questa indagine può mettere in grave difficoltà il regime, ma il filo su cui si muove è davvero sottile, e il rischio di cadere dietro l'angolo.