Libro
Ven, 12 Marzo Mar 2021 1730

Mauro Camarda presenta: Storie che non vorreste leggere

EVENTO IN STREAMING - YOUTUBE - Mondadori Palermo - Via M. Stabile 233

Mauro Camarda

Venerdì 12 Marzo dalle 17.00 daremo spazio a Mauro Camarda, autore esordiente e talentuoso, che ci presenteerà la sua raccolta di racconti.

Enrico è un giovane scrittore con un’unica certezza: ha solo ventiquattro ore per consegnare al suo editore l’idea per il prossimo libro.

Vaga per la città osservando le persone, cercando spunti, scandagliando nella sua memoria quelle storie che ha creato ma che non vuole dare alla luce. Quelle storie così assurde e così fuori dalle regole che non dovrebbero neanche essere lette. In questa ricerca però non è solo, è accompagnato da Monica, un’ulteriore storia rimasta in sospeso. E forse è proprio questa la storia che fa da cornice e da forza motrice di tutte quelle che “non dovrebbero essere lette”.

L'AUTORE

nasce a Palermo nel 1988. Laureatosi in Musicologia, sperimenta con la scrittura, influenzato dalla passione per l’opera lirica e l’hip hop italiano, oltre che per la letteratura. Su Instagram, col profilo @blu.mc, si fa conoscere con le sue frasi poetiche. Nel 2019 pubblica una raccolta di poesie dal titolo Il Fiore e lo Spettro, mentre Storie che non vorreste leggere è la sua prima raccolta di racconti.

ESTRATTO

Lui:

La suoneria serve a poco, sono già sveglio. A casa c’è troppo silenzio. Le immagini sono ferme. Le proiezioni non hanno un muro o un pannello bianco. Inoltre, la batteria della mia testa è al 14%. Modalità risparmio energetico. Per questo esiste il caffè.

Entro al bar e saluto Monica, una mia cara conoscenza, seduta al tavolo in fondo. Viene qua almeno due volte alla settimana a quest’ora; come del resto anche io scelgo lo stesso bar negli stessi due giorni settimanali.

Zucchero classico, dolcificante e zucchero di canna (che poi è zucchero classico granulato e colorato beige). Senza zucchero, meglio. Passo in rassegna le diverse bustine e guardo attorno, in attesa che il Barista si rivolga a me. Mi ha già notato da un po’, mi osserva. Probabilmente pensa che io sia un agente dell’ufficio igiene in incognito. Questo spiegherebbe il compulsivo comportamento che ha per la pulizia del bancone. Si vede che è nuovo e non mi conosce, non sa che in realtà sto fissando i bicchieri sporchi di quel lavello per immaginare quali atomi e germi di storie racchiuda quel vetro.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE E ATTIVA LA CAMPANELLA PER NON PERDERTI I NOSTRI EVENTI LETTERARI http://youtube.com/channel/UC3VS1jERSu5p3TQjpZECidw