Libro
Ven, 16 Ottobre Ott 2020 1800

Nick Fibonacci presenta il libro "Io ero"

Dialoga con l'autore la giornalista Giorgia Olivieri

Cover Fibonacci Io Ero

PER ACCEDERE ALLA PRESENTAZIONE E' OBBLIGATORIO PRENOTARSI ALL'INDIRIZZO EMAIL libreria.bologna@mondadori.it FORNENDO IL PROPRIO NOME,COGNOME E RECAPITO TELEFONICO

L'ACCESSO ALLA PRESENTAZIONE E' CONSENTITO FINO AD ESAURIMENTO POSTI A SEDERE.NON SARA' CONSENTITO ACCEDERE ALL'AREA OCCUPANDO SPAZI IN PIEDI

Emilia Romagna, metà anni Ottanta. Le strade di Bologna nascondono ingressi a locali dove tutto è lecito, la Riviera sobbolle come la California dei Doors. Nick ha vent'anni e l'adrenalinica convinzione che il suo destino sia di vivere a cento all'ora. Quando un po' per curiosità, in parte per sfida, sicuramente per noia incontra l'estasi artificiale, è una folgorazione: la droga non è solo una catapulta tascabile per l'onnipotenza, ma anche un efficacissimo ascensore sociale, la chiave che gli spalanca le case dei ricchi e della loro bella vita. Combinando un'intraprendenza che sfiora l'incoscienza a un'inarrestabile energia vitale, Nick sposa entusiasta questa travolgente compagna di viaggio, e presto si ritrova a importare dall'Olanda enormi quantitativi di droga, con cui rifornisce amici, sconosciuti, tossici navigati e dolenti sognatori sprovveduti, ma pian piano anche nuove e vecchie celebrità dello starsystem, famosi sportivi, e altri clienti insospettabili. Improvvisatosi narcotrafficante, escogita una serie di affari che gli fruttano fiumi di denaro, prontamente dissolti in viaggi, donne, alberghi di lusso, begli abiti e feste sfavillanti, eccessi e tante, tante polveri da sniffare. Convinto che la sua stella non tramonterà mai, Nick continua a sfrecciare nei giorni a fari spenti - senza mai, mai pentirsi della sua dipendenza, nemmeno quando il suo castello inizia a riempirsi di spifferi e crepe, e poi a crollare, trascinandosi dietro tutto: i soldi, gli amici, persino l'Amore. Perché se Nick si volta indietro, l'unico pensiero rimane: "E stato uno sballo pazzesco".