Libro
Gio, 10 Settembre Set 2020 2100

Flavia Piccinni e Carmine Gazzanni presentano " Sarah la ragazza di Avetrana"

Angelo Caputo giornalista , Avvocato Nicola Marseglia

Yatching Club, San Vito Taranto

Whats App Image 2020 08 29 At 11

26 agosto 2010. In Salento, una giovane scompare. È una ragazza bionda, silenziosa, misteriosa. Si chiama Sarah Scazzi.
L’Italia intera rimane sconvolta: cosa può essere successo a una quindicenne dall’aria così innocente? Molte saranno le ipotesi che si alterneranno durante i quarantadue giorni di ricerca. Ipotesi che sveleranno intimi segreti e rancori taciuti, arrivando a costruire un incredibile reality show dell’orrore e del grottesco in salsa pugliese. Avetrana, il paese dove tutto si svolge, ne sarà l’inaspettato set a cielo aperto.

Le indagini porteranno prima alla confessione dello zio della ragazza, Michele Misseri, e quindi alla condanna all’ergastolo della zia e della cugina di Sarah, Cosima Serrano e Sabrina Misseri, che negli anni hanno continuato a dichiararsi innocenti. Eppure, come rivelano i due autori, la tragicommedia salentina – divenuta il primo processo mediatico del nostro paese – nonostante confessioni e condanne non può ancora dirsi risolta.

Nel segno di A sangue freddo di Truman Capote e de L’avversario di Emmanuel Carrère, Sarah è un romanzo verità ambizioso e spietato, dallo stile insieme lirico e tagliente, che alla precisa ricostruzione di ciò che è accaduto – e, piuttosto, di ciò che è stato deliberatamente taciuto – unisce una riflessione sul male e sulla sua spettacolarizzazione, sulle conseguenze delle proprie azioni e su quanto siamo disposti a sacrificare per le persone che amiamo.

Ingresso libero ma gradita prenotazione perché i posti a sedere sono distanziati e limitati secondo le norme raccomandate dai DPCM e le linee guida regionali. Tutte le prescrizioni (es. segnaletica, registrazione, misurazione temperatura) sono già state attuate dall'inizio della stagione. Rimane importante avere con sé la mascherina per quelle situazioni in cui non sia possibile mantenere la distanza di almeno un metro.