Libro
Mar, 14 Gennaio Gen 2020 1730

Francesco Ceniti presenta il libro "Il mio amico Leo"

Dialoga con l'autore: Carlo Vellutini, giornalista.

Sala Mirto Marraccini di Banca TEMA - Corso Carducci 14, Grosseto

Mio Amico Leo

GLI AUTORI
Francesco Ceniti è nato a Roma la vigilia del Natale 1969, ma è cresciuto in Calabria, dove ha calcato, con alterne fortune, i campi di calcio (fino alla C2) e si è laureato in Lettere moderne. Giornalista, dal 2003 alla «Gazzetta dello Sport», si è occupato di inchieste, reportage e arbitri. Questo è il suo ottavo libro. Ha pubblicato, tra gli altri, nel 2004 il romanzo I cassetti perduti, nel 2009 il saggio Un carcere nel pallone (terzo classificato al premio Bancarella sport), nel 2014 In nome di Marco con Tonina Pantani, nel 2015 Che gusto c’è a fare l’arbitro, con Nicola Rizzoli. Per i libri Gazzetta ha scritto la trilogia I grandi gialli del calcio, Carriere spezzate e Dimmi chi era, uscito la scorsa estate. Sposato con Mirella, ha tre figli, Mattia, Andrea e Chiara. È sempre alla ricerca di una storia da raccontare.

Leonardo Bonucci (Viterbo, 1987) è un calciatore della Juventus e della Nazionale italiana. Considerato uno dei più forti difensori mondiali della sua generazione, è sposato con Martina e ha tre figli: Matteo (tifoso juventino), Lorenzo (di fede granata) e la nuova arrivata Matilda (che ancora non si è espressa). Questo è il suo primo libro, di cui devolverà interamente i proventi in beneficenza ad Agop (Associazione Genitori Oncologia Pediatrica), che da oltre quarant’anni garantisce assistenza alle famiglie dei bambini malati di tumore in cura presso la divisione di Oncologia Pediatrica del Policlinico Gemelli di Roma.

IL LIBRO
Andrea è di Firenze, ma vive da poco in Brianza, ed è un ragazzino come tanti altri. Frequenta la seconda media, a scuola se la cava, cerca di non dare pensieri alla mamma, soprattutto da quando il papà, il suo eroe, se n’è andato in cielo troppo in fretta. Il calcio è la sua grande passione (gioca difensore nella squadra della sua cittadina). La Juventus, la sua squadra del cuore. Leonardo Bonucci, il suo idolo. Ed è proprio a lui, al suo amico Leo, che Andrea, in difficoltà perché preso di mira da una banda di bulletti chiamata «I Teschi» – così si facevano chiamare Giovanni, il capobranco alto e massiccio da sembrare un adulto, e i suoi amici – chiederà aiuto. Una storia di coraggio e amicizia contro le ingiustizie e le prepotenze. Prefazione di Walter Veltroni.

“Il mio amico Leo è un racconto fantastico di una storia che potrebbe essere quella dei nostri figli, di come vincere una partita difficile: quella contro il bullismo. […] Credo fortemente che una bella storia possa dare coraggio e forza a tutti quei ragazzi che vivono sulla loro pelle la piaga del bullismo. Acquista il libro in libreria, i proventi saranno donati in beneficenza all’associazione AGOP Onlus – Associazione Genitori Oncologia Pediatrica.“