Libro
Sab, 23 Novembre Nov 2019 1100

Stefano Mancini incontra i lettori e firma le copie del libro "L'enigma del Führer"

Copertina L'enigma Del Fuhrer HD

L'autore:

Stefano Mancini nasce a Roma, nel 1980, dove si laurea col massimo dei voti. Dopo aver lavorato per anni come giornalista in alcune importanti testate italiane, nel 2015 fonda il service editoriale “Tracce d’Inchiostro”, per dedicarsi a tempo pieno all’attività di editor.

Con Linee Infinite Edizioni ha pubblicato le due trilogie epic-fantasy “L’Era delle Guerre” (composta dai romanzi Le paludi d’Athakah, Il figlio del drago, Il crepuscolo degli dei) e “L’Era degli Eroi” (composta da L’erede del mago, Vessilli di guerra e La furia dei draghi). I suoi altri libri sono

Pestilentia (Astro Edizioni) e Ostilium (DZ Edizioni).

L'Enigma del Führer è il suo romanzo d’esordio nel catalogo Fanucci Editore.

Il libro:

Londra. È notte ed Ethan Cooper, giornalista del Guardian, è alla guida. All’improvviso, sbucato dal nulla, un uomo si lancia sotto la sua macchina. L’asfalto, zuppo di pioggia, rende inutile la frenata: l’impatto è inevitabile, gli effetti devastanti. Resosi conto della gravità dell’incidente, Ethan chiama i soccorsi e raggiunge l’uomo in fin di vita. Questi, con le ultime forze, gli consegna due oggetti e pronuncia alcune frasi incomprensibili.

Sentendosi responsabile per quanto accaduto, Ethan comincia allora un’indagine che lo porta prima a una cassetta di sicurezza a Francoforte, poi in una cittadina al confine con la Polonia dove conosce Kirsten, brillante fisico, e nipote di un chimico al servizio del Terzo Reich, sequestrato e giustiziato per motivi mai del tutto chiariti.

Trascinati in un vortice di enigmi da risolvere, codici cifrati e inquietanti messaggi dal passato, Ethan e Kirsten dovranno far luce sul più sconvolgente progetto mai sviluppato dalla Germania nazista. In palio non c’è solo la loro vita, ma anche il futuro dell’intera umanità.

Un thriller fantascientifico da cardiopalma, una lettura entusiasmante, uno scenario inedito.