Libro
Sab, 19 Ottobre Ott 2019 1830 - 2030

Ernesto Olivero presenta il libro "Una porta sempre aperta"

ZAC! Zone Attive di Cittadinanza, via dora Baltea 40/b - 10015 - Ivrea (TO)

Una Porta Sempre Aperta

Avevamo un sogno… Quando la nostra avventura è iniziata, nel 1964, eravamo un piccolo gruppo di ventenni: molto giovani, inesperti, ma con un ideale pulito nel cuore. Il nostro sogno era quello di abbattere la fame nel mondo. Non combatterla, ma proprio sradicarla. A chi ci considerava degli ingenui o degli esagerati, dicevo e dico che un ideale grande è vero solo quando ci supera. Proprio come l’amore, perché due innamorati non amano a tempo, non amano «per un po’», ma totalmente. E soprattutto, provano ad amare in grande.

ERNESTO OLIVERO, sposato, padre di tre figli, è nato nel 1940. Ex bancario, pensatore, innamorato di Dio, è da sempre impegnato al fianco di poveri e emarginati. Nel 1964 ha fondato il SERMIG (Servizio Missionario Giovani). Al suo interno ha dato vita alla Fraternità della Speranza: monaci e monache, giovani e famiglie che si dedicano a tempo pieno al servizio dei poveri e dei giovani, con il desiderio di vivere il Vangelo e di essere segno di speranza. Dal 1983 la Fraternità della Speranza ha sede nel vecchio Arsenale Militare di Torino, ridenominato ARSENALE DELLA PACE, cui si è affiancato l’Arsenale della Speranza a San Paolo del Brasile e l’Arsenale dell’Incontro a Madaba in Giordania. Gli Arsenali hanno realizzato 9.170.000 notti di ospitalità (con 1750 persone accolte in media al giorno) e 17.443.000 pasti distribuiti (2970 in media al giorno); 3050 azioni umanitarie in 96 Paesi; 20.010.000 ore di volontariato; 5530 tonnellate di medicinali, alimenti, vestiti e attrezzature inviate (equivalenti a 674 aerei da carico), 3700 allievi ai corsi di alfabetizzazione, restauro e musica; 10.760.000 presenze a incontri di preghiera, formazione o culturali; 143.000 amici e sostenitori; 5300 volontari. Ha personalmente portato soccorso a popolazioni colpite da calamità naturali e ha personalmente accompagnato oltre 77 missioni di pace in Paesi in guerra quali Libano, Rwanda, Somalia, Iraq, ex Iugoslavia ecc.Tra le più significative, nel 2002, il contributo dato alla risoluzione dell’assedio della basilica della Natività di Betlemme, che gli è valso il premio « Uomo di Pace di Betlemme e Gerusalemme » assegnatogli dalla Custodia di Terra Santa.

Madre Teresa di Calcutta, Norberto Bobbio, Gianni Agnelli, il cardinale Carlo Maria Martini, Giovanni Paolo II, il presidente del Libano Elias Hraoui e tante altre personalità hanno proposto LA SUA CANDIDATURA AL PREMIO NOBEL PER LA PACE.

E' autore di oltre 40 libri di argomento teologico e sociale. "Una porta sempre aperta" è uscito nel Maggio 2019 per le edizioni Priuli&Verlucca.

https://it.wikipedia.org/wiki/Ernesto_Olivero

L’incontro é frutto della collaborazione tra la LIBRERIA MONDADORI di Ivrea, la CASA DELLA PACE di Ivrea e ZAC! Zone Attive di Cittadinanza di Ivrea