Libro
Ven, 4 Ottobre Ott 2019 1800

Roberto Coaloa presenta il libro"Ascesa e caduta di una stella"

Copertina Big 117

Cento anni fa nasceva a Parma l’attore più amato dai francesi, Lino Ventura. Era il 14 luglio 1919. Lino, all’anagrafe «Angiolino, Giuseppe, Pasquale», è figlio di Giovanni e di Luisa Borrini. Il 7 giugno 1926, Luisa e il piccolo Lino, abbandonati da Giovanni, arrivano a Parigi. La vita del piccolo migrante è difficile. Il riscatto di Lino avviene con lo sport, dopo aver partecipato alla Resistenza in Francia. Nel 1953 è lanciato da Gabin in una carriera straordinaria nel cinema. Rifiuta una proposta di Steven Spielberg; sul set non bacia mai le donne, da Brigitte Bardot a Françoise Fabian. Diventa un mito. Sposato a Odette,Ventura si lega fraternamente a Jacques Brel, Georges Brassens, Claude Pinoteau e José Giovanni. Questa biografia, narrando le vicende di una vita emblematica, delinea anche un quadro inedito del Novecento. Dal 1966, Ventura aiuta i bambini portatori di handicap e le loro famiglie con il suo patrimonio, creando istituti di ricerca medica e l’associazione umanitaria «Perce-Neige», che sopravvive, dopo la sua morte (il 22 ottobre 1987), come Fondazione.

Roberto Coaloa è nato a Casale Monferrato nel 1971. È noto per aver trovato e tradotto per Feltrinelli il saggio di Lev Tolstoj Guerra e rivoluzione. Ha insegnato all’U- niversità Statale di Milano, dove ha attivato un laboratorio di scrittura che è divenuto anche un blog. Storico, slavista, traduttore e critico letterario, Coaloa ha pubblicato molti saggi dedicati al Risorgimento, alla Grande Guerra e ai viaggiatori dell’Ottocento, come Carlo Vidua. È specialista della storia dell’Austria-Ungheria. Un grande successo ha avuto il suo Carlo d’Asburgo, l’ultimo imperatore (ed. Il Canneto, 2012).