Arte
Dom, 5 Maggio Mag 2019 1800 Ven, 31 Maggio Mag 2019 1700

Claudia Fuina inaugura la mostra “Dal libro alla tela”

La Mantide1

Con la mostra pittorica “Dal libro alla tela” vorrei convogliare due forme d’arte, pittura e illustrazione. I miei quadri spesso sono la trasposizione su tela delle illustrazioni da me create per i libri, per lavoro o semplicemente per ispirazione. Vorrei quindi invitare il mondo del libro alla rivalutazione del genere dell’illustrazione, molto spesso messo da parte o relegato a pochi ambiti, quali ad esempio libri per bambini o ragazzi, testi scolastici, genere fantasy. Sarebbe interessante invece dare spazio all’illustrazione anche nella lettura “adulta”, non però come elemento decorativo, ma come mezzo per amplificare la suggestione e creare una cassa di risonanza delle emozioni. La mia ricerca pittorica va in questo senso e si propone di unificare disegno, pittura, illustrazione, immagine descritta dal testo e immagine interpretata dal lettore, per abbattere i limiti delle definizioni di genere e creare un vortice di spunti reciproci tra autore, pubblico e artista. (Claudia Fuina)

CLAUDIA FUINA

Formazione L’artista riceve una formazione scolastica classica, che arricchisce già durante gli anni del liceo coltivando parallelamente in forma privata la già naturale predisposizione alle arti figurative, apprendendo presso la bottega di maestri d’arte i fondamenti di pittura e disegno. Nel 2006 si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Napoli - settore scenografia, cosa che si dimostrerà sicuramente utile all’approfondimento del suo ramo, ampliandone le prospettive e le componenti grazie allo studio della fotografia, del design e del costume.

Mostre, esposizioni ed eventi Nel corso del suo iter artistico fino ad oggi, espone in Italia e all’estero in mostre personali e collettive e collabora con autori e case editrici per lavori di illustrazione.
1996: Mostra collettiva insieme agli altri allievi del maestro Morgese presso la Galleria La Vetta in via Bernini, Napoli.
1999, 2001: esposizione presso il Palazzo Congressi di Lugano in mostre collettive con l’Associazione Napoli Nostra. Illustrazione della prima edizione del libro “Eleonora la Borbonica” dello scrittore Vincenzo Martongelli, testo che negli anni successivi verrà riproposto in nuove edizioni con integrazioni illustrative.
al 1998 al 2006: esposizioni varie” open-air” a Napoli in mostre collettive tramite la suddetta associazione 2008: illustrazione degli acrostici del poeta Vincenzo Mazzitelli e mostra degli elaborati presso la Fonoteca di S. Martino al Vomero - Napoli
2009: Esposizione di 2 opere sulla danza orientale in occasione del progetto sperimentale Z-Lab a Berlino.
2010: Esposizione presso la collettiva a Sorrento a Piazza Achille Lauro “Arte al femminile” 2011: esposizione presso Palazzo Venezia a Napoli in occasione della collettiva dedicata all’evento religioso e folcloristico della festa S. Gennaro.
2012: Esposizione a Roma a Palazzo Ferrajoli in occasione dell’evento culturale “Liberiamo il movimento” 2013: Esposizione presso l’Ambasciata d’Egitto a Roma in occasione dell’evento “ArtisticMind – Caleidoscopio”
2014/2015: Mostre personali presso la biblioteca comunale Benedetto Croce di Napoli 2016: partecipazione all’evento biennale SPEEDAM, congresso internazionale di Ingegneria Elettrica, con la presentazione di un’istallazione e di una serie di lavori. Illustrazione di testi di scuola media per Jonathan Edizioni.
2017: Partecipazione alla mostra SOS Partenope presso Castel Dell’Ovo di Napoli e la chiesa San Giovanni Maggiore. Illustrazione del libro “Animal farm” di G. Orwell in edizione scolastica, Jonathan Edizioni. Mostra personale presso Fonoteca in via Morghen, Napoli.
2018: partecipazione all’evento di illustrazione “Satyr” a Bisacquino, Palermo. Illustrazione di testi di scuola media per Jonathan Edizioni. Partecipazione al Piano City Festival di Napoli e a “Maggio Monumenti” presso il Maschio Angioino con l’evento di musica pittorica “Rendez-vous des artes invisibles” insieme alla pianista Valentina Ambrosanio.
2019: Partecipazione al Piano City Festival di Napoli presso Palazzo Venezia con lo spettacolo “Rendez-vous des artes in-visibles” insieme alla pianista Valentina Ambrosanio. Illustrazione del libro “Blocco note” di Luciano Valera, Homo Scrivens Edizioni.

Stile e forma Durante il corso della sua produzione, Claudia Fuina ha cercato di inseguire alcuni modelli, pur lontanissimi tra loro, di ispirazione. La pittura surrealista è stata però sempre il modello principale per la volontà di mettere su tela immagini provenienti dalle visioni dei sogni in maniera quanto più sincera e credibile. Il materico, gli interventi sperimentali a rilievo, sono stati utilizzati in opere con soggetti a carattere più fortemente “viscerale”, come le danzatrici tribali, la zingara, la donna primitiva, i rapaci notturni. L’impasto coloristico predilige sempre toni puri, brillanti, vivacissimi, spesso azzardati. Il disegno però impera sempre sul fondo della pittura, come base imprescindibile, in quanto terreno di partenza di tutti i suoi studi artistici e “prima passione” in assoluto.