Libro
Ven, 29 Marzo Mar 2019 2100

Ermanno Bencivenga presenta il libro "La stupidità del male"

Interviene Beatrice Broglio

001 (4)

Il rinomato filosofo Ermanno Bencivenga, mediato dalla giovae Beatrice Broglio, presenterà il libro " La stupidità del Male - Ed. Feltrinelli

Che cos’è il male? È l’atteggiamento di chi rifiuta di pensare.

Quando Hannah Arendt presentò La banalità del male fu vivacemente contestata e, soprattutto, gravemente fraintesa. Secondo Ermanno Bencivenga, la meditazione sul male oggi è attualissima: «Riflettiamo su quanto ogni giorno ciascuno di noi sia tentato dalla stupidità, dal rifiuto di pensare, dall'immersione senza riserve in un atteggiamento strumentale, empirico, e nel male che ne è la più ovvia, regolare conseguenza. O meglio, non limitiamoci a riflettere, ma proviamo ad agire le nostre riflessioni: a praticare il pensiero, il ragionamento corretto, il giudizio e anche la virtù e il bene per dimostrare nei fatti ciò di cui il Filosofo ci ha ammonito: è abile chi sa adattare i mezzi ai fini, ma è saggio solo chi, ragionando, sa scegliere i fini giusti». Il male non ha dignità intellettuale. Non ci sono teorie del male che siano paragonabili, per complessità, spessore e ricchezza di dettagli, alle teorie del bene. Non c'è una logica del male che determini fra eventi e atti malvagi relazioni e legami cogenti e persuasivi come quelli determinati dalle logiche del bene e dell'accadere. Come spiega Bencivenga, il male è stupido. O banale, per usare l'espressione di Arendt: chi voglia dar conto di un suo atto malvagio lo farà usando frasi tautologiche, opache, prive di contenuto e digiune d'informazioni, inette a crescere e svilupparsi in un senso qualsiasi. E la "teoria" del male diventa immediatamente parassitaria di una teoria dell'accadere (che spieghi che cosa serve, che cosa piace o di che cosa non si può fare a meno) o di una teoria del bene (che spieghi che cosa è male). Mentre l'agente malefico riceve la medesima statura intellettuale di un rubinetto che perde o di un bambino che fa i dispetti.