Libro
Ven, 1 Febbraio Feb 2019 2000 - 2130

Franco Michieli presenta il libro "Andare per Silenzi" Sperling & Kupfer

La presentazione si terrà presso la Scuola Media di Piamborno (bs)

Presso la scuola secondaria di Piamborno Viale Stazione, 17

Andare Per Silenzi

Franco Michieli, geografo ed esploratore, ha scelto di viaggiare da solo, per ritrovare il contatto con la natura e scoprire che nel silenzio ci parla, ci indica la direzione e diventa compagna di strada attiva e presente.

È la stessa assenza di tempo ristretto e misurato che mi fa amare le lunghe traversate: il permanere nella natura origina consapevolezze e rivelazioni molto più profonde delle ascensioni brevi. La durata al di fuori della fretta del mondo lascia spazio al silenzio; l'ascolto dell'impercettibile permette il rivelarsi del profondo.

Lunghe traversate da un capo all'altro della Norvegia, su isole popolate solo di nidiate di uccelli, in mezzo a paesaggi rocciosi e selvaggi, per giorni o settimane, senza compagni e senza mappe, nel silenzio più assoluto. Sembra un'immersione nel vuoto, invece è un'esperienza totalizzante: non sono gli altri a segnare la via, siamo noi a sceglierla a ogni passo. L'attenzione si acuisce, la presenza si fa costante: solo così il cammino è vero incontro con un ambiente partecipe. Le acque che scorrono tracciano il percorso, il vento e la pioggia dettano il passo, gli animali si allertano e seguono l'andare umano. Franco Michieli, geografo ed esploratore, da quasi quarant'anni alterna avventure in solitaria, in coppia e in gruppo, su strade battute e in luoghi disabitati, affidandosi alle indicazioni della natura, certo che il varco si rivelerà da sé. In questo libro ripercorre alcuni dei suoi viaggi – dal whiteout del deserto lavico islandese alle ascensioni andine tra insediamenti di antica spiritualità – rimettendo in discussione l'idea di compagnia: siamo più soli nella folla cittadina, dove la miriade di stimoli si spegne in un bombardamento fragoroso, che nell'isolamento dei boschi, in cui il silenzio, per chi sa ascoltare, si fa denso di voci. Qui, lontano dai condizionamenti tecnologici, riemerge la nostra connessione primordiale e istintiva con la natura e con i nostri simili: come può esserci solitudine fra tanta animata bellezza?