Libro
Sab, 24 Novembre Nov 2018 1800

Paola Di Nicola presenta il libro “La mia parola contro la sua. Quando il pregiudizio è più forte del giudizio” HarperCollins

Mondadori Bookstore - Napoli Vanvitelli
PIAZZA VANVITELLI, 10/A NAPOLI CAMPANIA 80129 IT
  • ...Share
Di Nicola PAROLA

La mia parola contro la sua. Quando il pregiudizio è più forte del giudizio (HarperCollins, € 17.50 – pag. 252)

“Le donne mentono sempre.” “Le donne strumentalizzano le denunce di violenza per ottenere benefici.” “Se l’è cercata.” “Le donne usano il sesso per fare carriera.” “Ma tu com’eri vestita?”

Questi sono solo alcuni dei pregiudizi che la nostra società ha interiorizzato. Pregiudizi volti a neutralizzare la donna e a perpetuare una sudditanza e una discriminazione di genere in ogni settore, soprattutto in quello giuridico, che è il settore determinante perché tutto possa rimanere come è sempre stato. Viviamo immersi in questi pregiudizi. Ogni nostro gesto, parola, azione deriva da un’impostazione acquisita per tradizione, storia, cultura, e neanche i giudici ne sono privi. Con la sua attività di magistrata, Paola Di Nicola ha deciso di affrontare il problema dalle aule del tribunale, ovvero dal luogo in cui dovrebbe regnare la verità e invece troppo spesso regna lo stereotipo. Se impariamo a guardare il mondo con lenti di genere, si apriranno nuovi spiragli, nuovi colori e nuove strade, e allora impareremo che una civiltà senza violenza può esistere, che l’armonia fa parte di noi, che uomini e donne possono stare l’uno al fianco dell’altra con amore e valore, che il nostro modo di parlare può essere più limpido, pulito e chiaro, che il silenzio dei complici si chiama omertà ed è un muro che va abbattuto.

Paola Di Nicola

Nata nel 1966. Giudice penale, nominata Wo/Men Inspiring Europe 2014 dall’EIGE (European Institute for Gender Equality) giudice impegnata da sempre nella lotta contro gli stereotipi. Nel 2012 ha pubblicato La giudice, sulla questione della differenza di genere in magistratura. Sua è la sentenza rivoluzionaria nel processo sulla prostituzione di due minorenni nel centro di Roma, nella quale ha sostituito il risarcimento in denaro con libri sul pensiero delle donne.