Libro
Mer, 22 Agosto Ago 2018 2000 - 2200

Francesco Caringella presenta il libro "La corruzione spiegata ai ragazzi" Mondadori

L'evento si terrà presso il Jungle Parco Raho, via Raho 15/a - Nardò

Intervengono: Elsa Valeria Mignone, Procuratore aggiunto presso Procura della Repubblica di Lecce e Vincenzo Candido Renna, Presidente del Rotary Club

Mondadori Point - Nardo' Duca Degli Abruzzi
VIA DUCA DEGLI ABRUZZI, 15 NARDO' PUGLIA 73048 IT
  • ...Share
9788804686064 0 0 0 75

La Corruzione è un furto di futuro, genera bruttezza, al quale dobbiamo reagire ogni giorno, con tutte le nostre forze.

La corruzione non è soltanto un reato contro la pubblica amministrazione, è molto di più e di peggio. E un problema culturale, una malattia sociale, un dramma economico, una ferita alla democrazia. I soldi che finiscono nelle tasche dei corrotti vengono sottratti alla collettività, al bene pubblico, all'avvenire dei nostri figli, a ognuno di noi. Significano opere pubbliche infinite, ospedali inefficienti, ambiente violentato, cultura al collasso, cervelli in fuga, giustizia drogata, perdita di investimenti stranieri, immoralità della politica. Di corruzione è quindi importante parlare a tutti i livelli, partendo dalle scuole, per insegnare che si può e si deve vivere senza lasciarsi tentare dalle sirene del facile guadagno, senza imboccare scorciatoie, con rigore, correttezza, rettitudine. Perché la corruzione si sconfigge (anche) con la conoscenza. Dunque è fondamentale poter entrare in un mondo difficile con le idee più chiare, con le giuste informazioni, il senso critico e l'apertura mentale che aiutano a scegliere. «La corruzione è una malattia sociale ed è evidente che potranno salvarci solo i nostri ragazzi e le nostre ragazze, uomini e donne in erba che hanno un "cuore sano e pulito", non ancora contaminato dagli interessi, dalle abitudini, dall'aridità. A loro vogliamo parlare spiegando il significato, le manifestazioni, le cause e gli effetti della corruzione, ma soprattutto i rimedi che, con il loro aiuto, debbono essere messi in campo.»