Libro
Sab, 16 Giugno Giu 2018 1745 - 2000

Annacarla Valeriano presenta il libro "Malacarne. Donne e manicomio nell'Italia fascista" Donzelli

Dialogano con l'autrice: Eliana Rasera e Antonella Messina

Mondadori Bookstore - Catania Roma
PIAZZA ROMA, 18 CATANIA SICILIA 95125 IT
  • ...Share
9788868436957 0 0 0 75

Un saggio sull'uso degli ospedali psichiatrici come strumento per attaccare e controllare i comportamenti femminili considerati trasgressivi

«Un lavoro straordinario, quello portato a compimento da Annacarla Valeriano, che ha passato in esame le cartelle cliniche delle ricoverate nel manicomio Sant'Antonio Abate di Teramo, a partire dall'ultimo decennio dell'Ottocento fino al 1950, per definire un "percorso dell'esclusione" assai particolare»Paolo Mieli, Il Corriere della Sera

A quarant'anni dalla legge Basaglia, che ha sancito la chiusura dei manicomi, riemergono le storie e i volti di migliaia di donne che in quei luoghi hanno consumato le loro esistenze. In questo libro sono soprattutto donne vissute negli anni del regime fascista: figure segnate dal medesimo stigma di diversità che, con le sue ombre, ha percorso a lungo la società, infiltrandosi fin dentro i primi anni del l'Italia repubblicana. All'istituzione psichiatrica fu consegnata, dall'ideologia e dalla pratica «clinica» del fascismo, la «malacarne» costituita da coloro che non riuscivano a fondersi nelle prerogative dello Stato. Su queste presunte anomalie della femminilità, il dispositivo disciplinare applicò la terapia della reclusione, con la pretesa di liberarle da tutte quelle condotte che confliggevano con le rigide regole della comunità di allora. La possibilità di avvalersi del manicomio al fine di medicalizzare e diagnosticare in tempo «gli errori della fabbrica umana» non fece che trasformare l'assistenza psichiatrica in un capitolo ulteriore della politica sanitaria del regime.